A chi si rivolge

Matera, racconto di una città dalla storia infinita” è un tour pensato per nuclei familiari con bambini, adatto ai più piccoli, al loro modo di comprendere e assimilare concetti storici, geografici, naturali ed antropologici.

Un po’ di storia…

Matera è una città dalla storia infinita, che parte dal Paleolitico per arrivare ai nostri giorni. Il racconto di Matera è il racconto della storia dell’umanità, dai primi cavernicoli, cacciatori e raccoglitori, ai primi gruppi di agricoltori e pastori, fino ai commercianti dell’età greca e romana…il Parco della Murgia materana è ricco di testimonianze di una presenza umana continuativa per tutte le epoche della preistoria e della storia dell’uomo.

Poi l’arroccamento, le esigenze di maggiore difesa e protezione, ed ecco che si verrà a formare nella Civita il primo nucleo abitativo della futura città di Matera…una cittadella a cui fu dato il primo nome di METHERA, cui seguì un castrum denominato MATHEOLA ed infine un Castaldato longobardo a controllo del territorio circostante, difeso con imponenti torrioni e alte mura.
Ancora in epoca normanno-sveva, Matera è una città fortificata e racchiusa nel colle della Civita, mentre le vallette dei Sassi, a quel tempo non ancora non abitate, sono esterne all’abitato e prendono questo nome per essere pietrose e selvagge.

Soltanto nei primi decenni del 1300, in seguito ad una forte crescita demografica, la popolazione cercherà nuovo spazio abitativo e lo troverà all’interno di quelle valli, ma soprattutto all’interno delle loro pareti rocciose, fatte di una roccia estremamente tenera e friabile…nasceranno le prime casegrotta, ambienti unici per uomini e animali, che si evolveranno nei secoli in grotte lamionate e poi palazziate, fino ad un riempimento totale delle valli che si raggiungerà nella prima metà del 1900, quando le condizioni igienico-sanitarie arriveranno a livelli assoluti e inaccettabili.

La malsanità degli ambienti, senza acqua e senza fogna, la precarietà dello stile di vita, disagevole e sacrificante, la convivenza strettissima con gli animali, le malattie, gli stenti, porteranno finalmente ad una legge statale che imporrà lo svuotamento dei Sassi, la costruzione di una nuova città dove le famiglie potranno vivere in condizioni di normalità e comodità.
Dopo anni di totale abbandono, cui segue il degrado e la decadenza, i Sassi torneranno alla vita nella metà degli anni ’90 come Patrimonio dell’Umanità e oggi come Capitale Europea della Cultura.

Obiettivo e finalità

Il tour dunque mira ad evidenziare i vari momenti della storia della città, le tappe fondamentali, dall’origine del territorio in cui essa nasce e si sviluppa, fino ai momenti salienti e più particolari del suo vissuto, della civiltà contadina e pastorale che nei Sassi ha trovato la sua massima espressione negli anni Cinquanta, e la rinascita di un sito unico al mondo e che grazie al suo riscatto oggi è conosciuto in tutto il mondo.

Tappe del tour

Il tour parte da Piazza Pascoli, con affaccio panoramico sulla valle del Sasso Caveoso e sulla Murgia Timone, per poi proseguire con una tappa presso il Museo Archeologico Nazionale “D. Ridola” per la visita della sezione preistorica, e continuare verso la Civita, cinta da mura e torri, e con porte di ingresso; discesa nella valle del Sasso Caveoso e passeggiata lungo la cinta muraria, per trasferirsi nella valle del Sasso Barisano. Qui visita di una scultura dei “Sassi in miniatura” e di una Casagrotta, antica abitazione tipicamente arredata, ed infine ultima tappa in Piazza Vittorio Veneto, cuore del centro storico e della città moderna.

Dettagli sul tour

Durata del tour: 2,5 ore circa
Difficoltà: facile, turistica
Consigliati abbigliamento e scarpe comodi
Costo del tour € 20 adulti/ € 10,00 bambini fino a 12 anni
Sono compresi ingressi al Museo Archeologico e alla Casagrotta

Il tour è soggetto a riconferma in quanto si effettuerà con un numero minimo di partecipanti e in opportune condizioni meteorologiche.

Info e prenotazioni

IMMA DI CUIA
Cell. 339.3036752
info@guidaturisticamatera.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *