Preistoria sulla Murgia

Villaggio neolitico nel Parco della Murgia Materana

 

Ben visibili le tracce della presenza dell’uomo sin dalle epoche preistoriche nel territorio della Murgia materana, a cominciare dall’uomo cacciatore-raccoglitore del Paleolitico che occupa grotte naturali già esistenti trovando in esse rifugio da belve feroci ed intemperie, per continuare con l’uomo neolitico semi-nomade che si stanzia in villaggi trincerati di capanne trovando nelle zone più alte e pianeggianti dell’altopiano possibilità di coltivazione e allevamento di bestiame.

 

Almeno 5-6 i villaggi neolitici riscoperti nel territorio materano, molto prossimi alla città, alcuni dei quali ruotanti attorno all’unica sorgente d’acqua presente, lo Iurio, indispensabile fonte di approvvigionamento per i popoli preistorici. Tra questi villaggi particolare importanza ebbero quelli di Murgia Timone e Murgecchia, dove ancora oggi restano visibili tracce di trincee e buchi per pali di capanne. Numerosissimi i reperti archeologici rinvenuti e conservati all’interno del Museo Archeologico Nazionale “D. Ridola”, tra i più interessanti di tutto il Meridione d’Italia per lo studio della presenza umana nelle epoche preistoriche dal Paleolitico all’Età del Bronzo e del Ferro.

 

Scoprite di più sul periodo preistorico a Matera con il tour “Parco Murgia Materana”.